Martedi 4 Aprile dalle ore 20, cena con il produttore Cantina di Terlano, presso il ristorante Casa Vicina-Via Nizza 230/14. 

Una serata unica, durante la quale si avrà la possibilità di degustare in contrapposizione vini di annate giovani con vini che invece richiedono un affinamento lungo anche 20 anni.

Durante la cena verranno serviti, direttamente dalla Cantina di Terlano:

  • Terlaner Classico 2016 
  • Terlaner I Grande Cuvèe 2012 
  • Pinot Bianco Voberg 2014
  • Pinot Bianco 2002 Rarity
  • Nova Domus 2014 
  • Terlaner 1991 Rarity 


Abbinati ai piatti di Enrico Panero, corporate Executive Chef di Eataly:

  • Capesante e zucchine in escapece 
  • Risotto con piselli novelli e tagliatelle di seppie crude 
  • Ricciola in guazzetto di frutti di mare 
  • Dolce della pasticceria di Luca Montersino 


Cena e vini inclusi: 80€
Posti Limitati

Per info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 



Il Sole 24ore dedica un intero articolo al Terlaner 1991 Rarity.
Una spiegazione in breve del grande lavoro della Cantina di Terlano e di cosa rappresenta il Terlaner 1991 Rarity.

Mauro Giacomo Bertolli (2017) Nel bicchiere dopo un quarto di secolo di affinamento sui lieviti. Il sole 24 ore 

Dopo un quarto di secolo trascorso in botte sui lieviti fini pervenendo al massimo grado dell‘ elevazione, il Terlaner 1991 è ora in bottiglia per la sua seconda rinascita!

Fin dall’anno della sua fondazione la Cantina di Terlano dava vita a questa oggi storica cuvée, concepita a partire dalle tradizionali uve di pinot bianco, chardonnay e sauvignon blanc
Le uve, selezionate da vecchi ceppi piantati sull‘ esclusivo terroir di Terlano, costituiscono la linfa vitale della leggendaria serbevolezza del Terlaner 1991 Rarity.

la nostra storia

Una storia che nasce da una lunga tradizione.

Noi Audisio eravamo conosciuti come commercianti di vino già nell’Ottocento.

Un’epoca in cui i mercati dei paesi erano il fulcro della vita sociale e tra i banchi dei prodotti della terra, gli esercizi artigianali e le fiere di bestiame si svolgevano le contrattazioni e le vendite del vino in botte.

Nella prima metà del Novecento la nostra famiglia decise di affrontare un cambiamento decisivo portando la propria attività in città, rilevando la storica “Bottiglieria Scanavino” di Ivrea.

Ma è nel 1963, grazie a mio padre Nino Audisio, che la Ditta si trasferisce a Torino e assume quella che sarà la sua forma di oggi, indirizzandosi verso i settori del vino e dell’Hôtellerie.

Audisio Agenzia di Rappresentanza Vini consolida così, nel corso degli anni, la propria attività in Piemonte e Valle D’Aosta diventando il trait d’union tra le migliori realtà vitivinicole italiane e francesi e i più apprezzati ristoranti, enoteche, vinerie, negozi specializzati ed alberghi.

Continua »