SAINT EMILION

Château Clos Fourtet 2021

progetto-senza-titolo-41

1er Grand Cru Classè

Da molti secoli questo antico “Campo Fortificato” o “Piccolo Forte” domina e sorveglia la chiesa monolitica del villaggio anticamente denominato ASCUMBAS. Sin dal debutto della classificazione del 1956, Clos Fourtet fa parte della gerarchia dei Premiers Grand Cru Classés di Saint-Emilion. Philippe Cuvelier ha acquistato la proprietà nel 2001 e successivamente ha affidato la gestione al figlio Mathieu.

La vigna poggia su uno strato spesso di calcare, eccellente per conservare il calore del giorno e ancor più per permettere il miglior drenaggio idrico. Rese basse, 40 quintali per ettaro ed una densità di ceppi che varia tra i 6000 ed i 9000 per ettaro, ettari vitati 19. Ad una primavera con pioggia alterna, è seguito un agosto favorevole ed un settembre degno di nota. La fermentazione avviene a bacca intera, il vino poi sosta tra i 14 ed i 18 mesi in botti di rovere francese 50% nuove-48% di un anno-2% in vaso.

Clos Fourtet vanta una lunga storia che risale al Medioevo, quando era una fortificazione militare. La sua posizione strategica sulla collina di St-Emilion lo rendeva ideale per la difesa del territorio. La transizione da fortezza a vigneto avvenne nel XVII secolo, quando la proprietà iniziò a dedicarsi alla viticoltura, beneficiando del terroir unico di St-Emilion.

La cantina, con le sue storiche cantine sotterranee scavate nel calcare, offre condizioni di invecchiamento ideali per i vini. Queste cantine, risalenti al XVIII secolo, mantengono una temperatura e un’umidità costanti, preservando l’integrità del vino durante il lungo periodo di maturazione.

Il team di vinificazione di Clos Fourtet utilizza pratiche agricole sostenibili, mirando a mantenere l’equilibrio naturale del vigneto e la biodiversità. Questo approccio rispettoso dell’ambiente si riflette nella qualità dei vini prodotti, che esprimono in modo autentico il carattere del terroir di St-Emilion.

Millesimo 2021

Un inverno mite e umido ha favorito un germogliamento regolare e omogeneo. I mesi di maggio e giugno sono stati caratterizzati da forti piogge, che hanno portato a un’elevata pressione sanitaria.. La fioritura è avvenuta in buone condizioni, beneficiando di una finestra climatica favorevole. In agosto, un vincolo idrico di quattro settimane ha permesso ai terreni calcarei di garantire una maturazione lenta e progressiva degli acini.

Un bel colore rosso granato con lievi riflessi violacei. Al naso mescola rinfrescanti fragranze di violetta con gustose note di lampone. Un attacco fresco anticipa una bocca che seduce con la sua eleganza e i suoi tannini fini e cremosi.

Richiedi informazioni

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA di Google, al quale si applicano la Privacy Policy ed i Termini di Servizio relativi.